Offerta Giugno 2019

Hotel Villa Barsanti Marina di Pietrasanta ti offre uno sconto con il “Pacchetto 5 notti”, inclusa la mezza pensione e la spiaggia!

Verifica le disponibilità direttamente sul nostro sito o chiamandoci al 0584.745806

 

Primavera: un soggiorno al mare 2019

Soggiorno al mare in Primavera? Perché no! Le giornate cominciano ad allungarsi, il sole inizia a riscaldare e il paesaggio si risveglia tingendosi di vari colori. Read More

Le Cinque Terre, incontro tra terra e mare

Le Cinque Terre, uno straordinario scenario di case colorate immerse nella natura, a picco sul mare azzurro della costa ligure.
Read More

La costa della Versilia: spiaggia, sole e mare

La Versilia è da molti anni meta di turismo balneare. L’ampia spiaggia si riempie di ombrelloni, creando un caleidoscopio di colori che riflettono nell’azzurro del mare.
Read More

Pietrasanta: cosa vedere nella “piccola Atene”

Pietrasanta: cosa vedere nella “piccola Atene”

 

Se stai organizzando la tua vacanza a Pietrasanta e vuoi sapere cosa vedere, abbiamo pensato di darti qualche consiglio.

La cittadina di Pietrasanta viene chiamata la “piccola Atene” per sottolineare il legame con l’arte e, in particolare, con la lavorazione artistica del marmo.
I visitatori del piccolo borgo rimangono affascinati dalla presenza di opere e installazioni che si trovano nelle piazze del centro storico durante tutto l’anno. Alcune di queste sono state donate alla cittadina da artisti di fama mondiale come Fernando Botero e Igor Mitoraj ,che hanno scelto Pietrasanta per viverci.
Passeggiando nell’elegante centro storico, sarai colpito dalla presenza di numerose gallerie d’arte, ma la ricchezza artistica è testimoniata anche dalle presenza di edifici artistici e musei.

 

Se ti chiedi cosa vedere a Pietrasanta, ti consigliamo una visita :

1. in Piazza del Duomo, contornata da bellezze come il Duomo di San Martino, la Chiesa di S.Agostino, la Torre delle Ore, la Colonna del Marzocco, il Monumento a Leopoldo II, il Palazzo Pretorio.
2. alla Rocca di Sala
3. al Battistero (o Oratorio di San Giacinto)
4. nel centro storico
5. ai Musei : il Museo dei bozzetti e il Museo Barsanti

1. La Piazza è ampia e ha forma rettangolare, sullo sfondo è dominata dalla collina che ospita le mura della Rocca di Sala. Oltre alle bellezze artistiche e alle istallazioni, sono presenti eleganti caffè e locali di tendenza dove vale la pena fermarsi per bere e mangiare qualcosa. Ogni prima domenica del mese si svolge un mercato settimanale dove si possono comprare oggetti d’antiquariato e modernariato , come mobili, sculture e marmi.
Il Duomo di San Martino spicca su tutti gli altri monumenti per il candore del marmo bianco non appena fate il vostro ingresso nella piazza: lo stile gotico-romanico è inconfondibile con le 3 navate e il rosone centrale. Accanto si erge il campanile, una colonna di quasi 40 metri, realizzata in laterizio, risalente al 1520. In fondo alla piazza, sul lato nord, si trova la Chiesa e l’ex-convento di sant’Agostino, che nasconde un’incantevole Chiostro.

2. La Rocca, che risale al periodo longobardo, e le mura dominano la collina e la vista sulla piana versiliese e sulla costa è bellissima. Accanto alla Chiesa di Sant’Agostino si trova la salita per accedere.

3. Il Battistero di Pietrasanta risale al XVII secolo anche se l’unica opera risalente al quel periodo è la Pala dell’altare “Eucarestia e angeli adoranti” del 1636 di Filippo Martelli. Vi si trovano anche due imponenti fonti battesimali, una del 1389 e l’altra del 1612.

4. Proseguendo la passeggiata per le stradine del centro storico ti potrai imbattere in alcune opere come “Il Guerriero” di Ferdinando Botero in piazza Matteotti, “Il Centauro” di Igor Mitoraj in piazza Centauro, “Il Pugilatore” di Francesco Messina in via Garibaldi ; nella Chiesa di Sant’Antonio in via Mazzini “L’inferno” e “Il Paradiso”, due affreschi di Botero.

5. Il Museo dei bozzetti si trova all’interno dell’ex- convento di Sant’Agostino ed è stato voluto in omaggio alla lavorazione artistica del marmo che da sempre contraddistingue Pietrasanta fin dal XVI secolo.
Qui sono esposte le prove che precedono la realizzazione dell’opera marmorea finale, a partire dai bozzetti in scala ridotta fino ai modelli a dimensione reale.
Dopo la sua apertura nel 1984, molti artisti e artigiani hanno deciso di donare i loro bozzetti e modelli così da arricchire l’esposizione a circa 700 bozzetti di più di 350 artisti tra cui, solo per citarne qualcuno: Fernando Botero, Igor Mitoraj, Jean Michel Folon, Pietro Cascella, Giò Pomodoro.
Il Museo Barsanti è dedicato all’inventore del motore a scoppio, padre Eugenio Barsanti, che fu sacerdote di Pietrasanta (1821-1864).

Pietrasanta offre molto da vedere, non c’è che l’imbarazzo della scelta. E se hai bisogno di indicazioni, saremo felici di aiutarti.

Offerta settembre

Pacchetto spiaggia